Utilizzo delle nuove tecnologie a Scuola.

VarieNo Comments

You Are Here:Utilizzo delle nuove tecnologie a Scuola.

Gli anni in cui a scuola l’unica tecnologia presente erano riga e compasso sono passati ormai da un bel po’. L’impiego delle nuove tecnologie, a partire ovviamente da quella informatica, ha preso sempre più piede nelle aule ed i nostri ragazzi vengono istruiti fin dalla tenera età a familiarizzare con questi sistemi che ormai sono divenuti di fondamentale importanza nella vita quotidiana.

Ma il computer non è certo l’ultima delle novità negli istituti scolastici, siamo infatti nell’era delle lavagne interattive, delle app scolastiche sugli smartphone e delle pagelle online…il povero Pierino ne sarebbe al quanto distrutto visto che la ora non gli basterebbe più la magica scolorina per trasformare uno 0 in un 8. Ma velleità a parte, l’introduzione e l’avvicinamento alle nuove tecnologie in ambiente scolastico è stato un notevole passo avanti.

I genitori possono ora tenere traccia costantemente del rendimento scolastico dei figli semplicemente accedendo alla loro scheda online, conoscendone voti di interrogazioni e verifiche, potendo intervenire laddove è necessario. Un bel passo avanti insomma che però non accenna ad arrestarsi, ultima frontiera sono infatti, come già citato, le app per gli ormai onnipresenti smartphone.

Una insegnante, in previsione del nuovo anno scolastico, ha quindi deciso di regalarci qualche consiglio sulle app per sistemi Android più utili ai fini dell’istruzione. Fra le più gettonate troviamo: Google Drive, Google Calendar, DigiCal, App HomeWork, Google Keep, Evernote, FastScanner, Mechanism, Fix The Factory.

Scommetto che moltissimi di voi genitori che stanno leggendo queste righe, avranno difficoltà anche solo a pronunciarne i nomi, ma niente paura, si tratta di app per la condivisione di documenti ed organizzative, che permetteranno a studenti ed insegnanti un tipo di comunicazione più diretta. Ottimo modo per far recuperare vostro figlio i temi trattati in caso di assenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top