Conservazione digitale in Italia: cosa si può fare

VarieNo Comments

You Are Here:Conservazione digitale in Italia: cosa si può fare

Anche l’Italia si sta aprendo sempre di più alla conservazione digitale. Sono sempre di più infatti le istituzioni e le aziende che scelgono di digitalizzare i propri archivi, conservando importanti documenti, pratiche e molto altro in server appositamente dedicati. Ma cosa è possibile fare concretamente? Chi ha accesso a queste operazioni?

 

eWitness ha le migliori soluzioni per la conservazione digitale

Di tutte le società che operano in questo vasto settore dedicato alla sicurezza di beni e servizi, eWitness è senza ombra di dubbio una delle più rinomate. Fra i tanti servizi che offre vi è anche la conservazione digitale che permette a società ed istituzioni di convertire i propri archivi cartacei in file della medesima valenza legale ma non deperibili.

Rispetto ad altre aziende dello stesso tipo però, eWitness ha qualche servizio in più su cui vale la pena soffermarsi. Oltre al normale sistema di conservazione a norma detto AgID (che prevede il rispetto dei principi di autenticità, integrità, affidabilità, leggibilità e reperibilità), la società di cyber secutiry italiana è in grado di garantire anche la certificazione dei contenuti, la data certa e la consequenzialità.

Un vero e proprio “pacchetto completo” che garantisce un’elevata sicurezza per i tuoi file, che saranno facilmente reperibili in caso di necessità e preserveranno al contempo la loro valenza probatoria in un eventuale processo.

La conservazione digitale in Italia non è mai stata di così facile accesso, sicura e soprattutto garantita. Se stai valutando di richiedere un servizio di questo tipo, ti invitiamo a visionare il link riportato poco più su in questo articolo per tutti gli approfondimenti del caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top